Breaking news:

AIL

Articolo del blog

Gesù e Maria di Magdala (Josè Saramago secondo...me)

Nel proscenio di pietre bianche, là sulla sabbia,
Una casa, Separata dalle altre,
Abituata alla gente che entra senza bussare,
Così anche i piedi sanguinanti di Gesù,
Nel secco umido sanioso della carne, che tenta un aborto di guarigione,
Varcano quella soglia che già conosce il peccato,
Lui è sostenuto alla vita da un braccio amorevole di donna,
Quando si dice che il dolore delle piaghe lascia il posto a sensi che squassano il corpo,
Si chiude il portone dietro dietro l'Indifferenza rotonda del mondo, per sempre,
Si chiude per loro, su di loro, per l'ultima volta,
Dicevamo dei sensi,
La vista, è una tunica da prostituta sopra un corpo di ballerina e sorriso da cortigiana,
la forma sinuosa e opposta del seno e dei fianchi di lei in genuflessione religiosa
sull'umore gonfio delle piaghe, con un panno bagnato pronto per un sollievo,
L'udito, la sottile frizione della pelle sul panno, è uguale alla frizione delle sue cosce,
all'ondeggiare ritmico del suo avanti e indietro, ogni volta che lei torna sui piedi
con panno rinnovato di acqua nuova,
L'olfatto, lei odora di profumo, mirra e balsamo insieme, una miscela esplosiva con
l'agrodolce del sangue vivo sulle ferite, che gli fai arrivare alle amigdale, Maria di Magdala,
Il tatto, si prendono le mani, si inizia quasi sempre così, lui si fa guidare come un cieco,
ad imparare il corpo femminile, con una lenta danza di carezza verso il centro,
molto prima di Leonardo, Impara il mio corpo, Impara il tuo corpo,
Il gusto, dopo un fremito, l'urlo, e lei gli beve il grido dalla bocca, con bacio avido,
come il vuoto di labbra che sente sui seni turgidi imperlati di sudore...

- La mia vita sei tu, e il mio portone rimarrà chiuso,
- Sono soltanto una ferita venuta a chiedere aiuto,
- Per questo ti amo, perché ti ho aiutato e ti ho insegnato, sarai piuttosto tu a non potermi amare, perché chi impara riceve più che dare,
- Ma tu non hai ferite,
- Cercale, le troverai, dietro la porta.

Commenti

Carlo, scusa, ho letto. Mi è un po' difficile capire.Oppure... forse...ho letto bene? Perchè, se ho letto bene, anche io ringrazio ..... in anticipo ....e....in posticipo. Mah!

Ahahaha!!!!!!!!!! Un piccolo delirio nella lettura di Saramago... Ma...hai letto bene !!!!!!!!
Un bacio Berny !!!!!!!!!!!!

Pagine