Breaking news:

AIL

Concerto o evento

Venerdì 5 Maggio 2017 - MACERATA "L'orto dei Pensieri" ore 21.30 - Dialogo con musica e testi di Faber @Unifestival

“Non credo affatto che i giovani di oggi non abbiano valori; hanno sicuramente dei valori che noi non siamo ancora riusciti a capir bene, perché siamo troppo affezionati ai nostri"
(Fabrizio De André)
In questo tempo fortemente marcato da una globalizzazione irrefrenabile e “virale”, che travolge lo stesso mondo che l’ha fortemente cercata, alienandolo verso una pericolosa follia e riducendo in brandelli chi è costretto a subirla, Fabrizio De André continua ad essere ascoltato, suonato, cantato. E molti sono i giovani che a un certo punto della loro ricerca di una voce capace di comunicazione, la incontrano nella poesia di Faber. E la apprezzano perché sentono che parla di loro e insieme a loro. Anche se è un autore ormai di un altro tempo, ben diverso da quello attuale, in realtà non è poi così vero che tale tempo sia così lontano. Potremmo dire che De André, la sua musica, le sue canzoni, stanno in un tempo “unico” dell’anima, che in fondo è sempre quello. Potremmo pensare ad un “tempo universale”, nel senso che questo autore, come molti grandi artisti, ha la capacità in qualche modo di “straniarsi” dalla dimensione del tempo. Benedetto Croce, una delle figure di riferimento di Faber, diceva che la poesia è capace di annodare il particolare all’universale, per cui potremmo affermare che il fascino di De André risieda in una sorta di Tempo Assoluto, capace, in qualche modo, di entrare ed uscire da questa arida e pericolosa realtà dei nostri giorni, dove anche essere inattuali è un privilegio raro. Cosi come sarà un privilegio raro della band Carodeandré quello di riproporre questo “tempo assoluto” davanti a molti giovani che ce lo hanno richiesto.

https://www.facebook.com/events/1779720202338489/